Sogni sincronici

Sogni sincronici

I have a dream. No, We have two dreams

Durante queste vacanze mi ha chiamato un mio amico che, sapendo che ero psicologo, voleva che lo aiutassi a comprendere una serie di coincidenze che gli sono capitate insieme alla moglie.

Le coincidenze riguardavano i loro sogni. Al primo sogno non aveva dato molta importanza, al secondo invece sì, al punto da chiamarmi. Dunque, una sera, il mio amico stava litigando con i suoi fratelli per un problema di eredità, la moglie era a casa e quando lui è rientrato lei dormiva. La mattina seguente, appena sveglia, la moglie gli ha raccontato di aver sognato che aveva un problema con suo fratello, il quale le aveva rubato il portafoglio e aveva speso i suoi soldi in una cena molto ricca e costosa. Il marito a questo punto le ha raccontato che la sera prima aveva litigato con i fratelli perché uno dei fratelli è risultato avido e poco rispettoso verso gli altri, proprio come il fratello della moglie nel sogno.

Senza avere nessuna conoscenza psicologica ha detto alla moglie: “hai sognato per me!”.

Fin qui nulla di così strano. Il secondo sogno però lo ha incuriosito moltissimo. Qualche mattina dopo l’episodio dell’eredità la moglie si è svegliata e gli ha detto che aveva fatto una specie di incubo: “non riusciva ad andare a lavoro pur avendo una riunione così importante da rischiare di essere licenziata. Non poteva andare a lavoro perché non sapeva a chi lasciare i figli piccoli”. A questo punto il marito le ha raccontato che anche lui aveva fatto un sogno angosciante. Si trovava in una situazione simile al sogno della moglie, al contrario però: “doveva andare via da lavoro perché aveva i figli con sé e non sapeva dove e con chi lasciarli. Poteva affidarli a dei colleghi ma non ne era convinto, aveva pensato di lasciarli in una stanza vuota dell’azienda in cui lavorava, però erano ancora troppo piccoli per rimanere da soli un paio d’ore.” Poi ha sognato la loro donna delle pulizie a questo punto anche la moglie ha detto di averla sognata. Aveva pensato di lasciare a lei i bambini però era impegnata. Infine, il fatto più clamoroso… Il marito le dice che nel sogno c’era una loro amica in comune che non vedevano da quasi un anno, e anche la moglie gli racconta di averla sognata! Dopo quest’ultima coincidenza il mio amico si era chiesto come è possibile sognare contemporaneamente, tra le tantissime persone che conoscono, proprio la stessa persona che non è neppure stata in contatto con loro da quasi un anno? Non si riusciva a spiegare la coincidenza se non pensando che poteva esserci qualche teoria psicologica che riguardasse la connessione, la sincronicità mentale o qualcosa del genere…

Ecco, questa è la storia, cosa ne pensate? Secondo voi esistono i sogni sincronici o è pura casualità? Potete lasciare un commento in fondo alla pagina.

Related Posts
  • Giusyemarty

    Ciao, siamo due ragazze e siamo amiche da quasi quattro anni. Sono circa quattro mesi che continuiamo a fare sogni uguali o simili, nella stessa notte. I sogni, di solito, si avverano anche.
    Nei nostri sogni è sempre presente l’acqua, il mare, un castello e a volte i fiori e poi noi due.
    La prima volta, ho sognato di stare in una gita scolastica, e di sera eravamo arrivati in questo castello, di stile medievale fuori, ma all’interno era molto moderno e bellissimo. Grande, spazioso, e nei piani superiori ci sono delle camere, e una di quella è la camera che dovevo condividere con le mie migliori amiche. C’erano due letti a castello, e uno solo singolo, io dormivo su quello a castello (letto superiore), lei invece su quello singolo con una nostra compagna, che personalmente non mi è troppo simpatica. Piangevo, e stavo male, perche la mia migliore amica aveva scelto lei a me. Scendo dal letto, e mi avvio verso una serie di scale che portavano alla stanza più alta del castello, e quando entro era sommersa di llibri. Erano libri molto grandi, quanto delle enciclopedie, e c’era solo un letto matrimoniale vicino la finestra. Sotto la fnestra c’erano dei scalini, e un pò di luce, quando poi fuori era buio. Sul letto c’erano seduti i miei nonni materni, che dicevano che io dovevo leggere ogni singolo libro di quella stanza, e sui piccoli scalini compare una mia vecchia amica, morta già da un paio di anni. Lei mi diceva, che avrei dovuto scoprire qualcosa, e chi ero realmente, ero da una parte spaventata e così cerco di scappare. Quando scendo le scale correndo, cercavo il mio ragazzo (che ora non stiamo più insieme da un mese) e non lo trovavo, e allora esco fuori dal castello, ma c’era una foresta che non mi permetteva di uscire, e quando poi riesco ad uscirne trovo la mia migliore amica vicino ad un albero, e iniziavamo a litigare. Lei mi prendeva a schiaffi e mi urlava contro, e io non facevo nulla, poi mi abbraccia e si scusa e se ne va.
    La mia migliore amca sogna qualcosa di simile: in una gita scolastica dovevamo visitare un castello. Questo castello si trovava al centro di un giardino mal curato dove erano presenti fiori secchi e lunghi serpenti gialli e lei ne era molto spaventata. L’entrata del castello era in basso a degli scalini mal ridotti e anche il catello lo era. All’interno era buio così prendiamo delle torcie per trovare l’interruttore della luce..una volta trovato, intorno a noi c’erano delle librerie con molti libri e io le dicevo di cercare i libri che parlavano della decapitazione. Dopo un po’ ci allontaniamo dal resto del gruppo e apriamo la porta di una stanza molto illuminata, apriamo una tenda e sbuca fuori l’onigramma di una bambina bionda con gi occhi neri che urlando ci dice: non vi spaventate sono qui per raccontare la storia di come e quando sono morta. Fuori a questa finestra c’era un giardino ben curato con un bellissimo sole e tanti fiorellini rosa( il contrario di come era all’esterno prima di entrare nel castello). La bambina fa un salto dalla finestra e raggiunge quel giardino e la storia si anima, raccontando della sua malattia ai polmoni.

    Un’altro dei tanti sogni che abbiamo fatto insieme, è stato: Che ci trovavamo sul muretto che affacciava al mare, e ci stavamo dando un bacio, però una nostra amica ci viene a chiamare perchè dovevamo accompagnarla da quella ragazza che precedentemente ho detto che non sopportavo. Stavamo in un posto che non era realmente il mio paese, e che ho già sognato molte volte, era tutto grigio, alla nosra sinistra c’era il mare, che sembrava calmo, ma era grigio come le grosse nuvole in cielo. Alla nostra destra, c’erano pochissime case, e davanti a noi uno spiazzale. Io mi trovavo al centro, alla mia sinistra la mia migliore amica, quando vediamo un fulmine nel cielo e sentiamo una serie di tuoni. Inizia a piovere, e il mare era cosi’ agitato che inonda tutta la città, noi cerchiamo di scappare, ma stavamo annegando, e ci ritroviamo davanti due sponde. Io volevo andare a quella destra, perchè secondo me ci avrebbe salavti, le mie amiche a sinitra. Le altre vanno a sinistra e io riesco a portare con me solo la mia migliore amica, e mi sveglio.

    La mia migliore amica invece sogna : stavamo io lei lungo il sentiero del Grand Kenya mano nella mano a parlare. A un certo punto io decido di andare dall’altra parte del Grand Kenya con un lungo salto e quando arrivo dall’altra parte le dico di raggiungermi ma lei è spaventata, non riesce a saltare, guarda in basso e rimane incantata da un fiume limpido, io la chiamo e lei non mi risponde perchè continua a fissarlo.
    Un’altro sogno che ho fatto molte volte, e anche lei, è stato quello di fissare il mare incantata e lei era al mio fianco. Guardavo il mare, che era limpido e azzurrissimo, calmo, e mi piaceva tantissim, ma d una parte avevo paura. Mi impauriva ma allo stesso tempo ero ipnotizzata dalla sua bellezza. Volevo andarmene, scappare, perchè ero troppo impaurita e non mi sentivo protetta. Lei mi prendeva per mano e cercava di riassicurarmi, ma lo stesso non mi sentivo sicura, e quando stavo per alzarmi mi da un bacio a stampo, spesso nei nostri sogni succede, e poi me ne vado e la guardo dall’alto.